Il WMS per il magazzino di una PMI non deve per forza costare tanto

Negli ultimi anni le cose sono profondamente cambiate nei settori della produzione e della logistica. La pandemia ha modificato profondamente le abitudini di acquisto dei consumatori; da qualche mese si assiste a un riaccendersi inflazionistico che oltre a far lievitare i prezzi energetici tocca e toccherà sempre più da vicino le tasche dei consumatori, ampliando il ventaglio di implicazioni per le industrie e i comparti commerciali. Se si sommano questi due fenomeni a quelli geopolitici, da un lato, e quelli riconducibili alla digitalizzazione, si comprende a quali scossoni sono stati sottoposti le società industriali e commerciali e a quali altri sconquassi lo saranno nei prossimi mesi. La logistica è tra le attività, se non l’attività, che più di tutte ha pagato uno scotto ai fenomeni sopra ricordati. I problemi che la investono sono tanti e per parecchi non si intravedono ancora soluzioni capaci di rafforzarne la struttura e la operatività.

 

La certezza e la centralità di un WMS per PMI

In questo contesto di complessità crescente e diffusa però qualche elemento di certezza lo si vede. Per esempio, il magazzino sta acquisendo una centralità sconosciuta in passato, salvo alcune eccezioni, soprattutto nelle piccole e medie aziende che, come noto, costituiscono il tessuto produttivo del nostro paese. Di fronte alle sfide economiche e organizzative imposte dalla pandemia e oggi dall’inflazione, il magazzino richiede di essere specializzato, ossia dotato di strumenti che velocizzino la sua funzione, tengano traccia precisa delle merci e supportino una attività industriale in uscita e in ingresso secondo metriche e modalità innovative. In questo senso per i magazzini delle società che vogliono mantenersi competitive appare più che mai necessario fare ricorso a sistemi WMS (Warehouse Management System) innovativi e di facile implementazione. Possibilmente di facile apprendimento e integrati con i sistemi gestionali, anche per la incapacità di questi ultimi, i famosi Erp (Enterprise Resource Planning), di rispondere in modo efficace alle nuove istanze e ai diversi flussi logistici imposti dalla globalizzazione, dalla specializzazione e dalle nuove tecnologie.

La risposta: SilwaGO

Un prodotto in possesso di questi requisiti, per esempio, è SilwaGO di Stesi. Si presenta come una soluzione software all-in-one e scalabile che ottimizza la logistica di magazzino e produttiva abbattendo tempi e costi. SilwaGO racchiude la qualità e l’affidabilità della suite Silwa® con i benefici di un prodotto completo, standard, semplice da implementare, ritagliato sulle esigenze delle PMI e dall’altissimo rapporto qualità/prezzo. Si presenta come un prodotto completo e scalabile che comprende, in un unico prodotto software, tutte le funzionalità necessarie per rendere la logistica di magazzino il fiore all’occhiello della propria attività. Il suo carattere all-in-one si riflette sulla semplicità di implementazione e di utilizzo, senza mai scendere a compromessi in quanto a scalabilità e innovazione. È un prodotto adatto a una vasta gamma di imprese e operatori, che grazie ad esso possono arricchire e completare la propria offerta di soluzioni per la logistica e la produzione. SilwaGO gestisce e perfeziona tutti i flussi della logistica interna. Dall’ingresso merci, configurabile a seconda di pallet, colli e pezzi, fino alla spedizione del prodotto, assicura l’ottimizzazione dei flussi di materiali e l’accelerazione di tutte le operazioni logistiche, con contestuale riduzione di tempi e costi. Il sistema include svariate funzionalità avanzate della suite Silwa®, tra cui il picking configurabile a seconda di pallet, colli e pezzi. Può essere integrato con sistemi informativi esterni, tra cui tutti gli ERP presenti sul mercato. La mappatura degli spazi logistici e l’ottimizzazione delle operazioni di stoccaggio e movimentazione permettono di sfruttare al massimo i propri ambienti e di abbattere le inefficienze.

C’è ottimizzazione delle attività logistiche grazie ad evoluti algoritmi e automatismi, che aiutano gli operatori a svolgere le proprie attività e abbattono ogni forma di errore. In questo modo, è possibile minimizzare i costi relativi alla mancata (o errata) evasione degli ordini. La possibilità di gestire la movimentazione delle merci con logiche impostate dall’utente rende più efficiente l’intero impianto. Inoltre supporta la dematerializzazione delle operazioni logistiche, sostituendo la documentazione cartacea con una user experience fondata sull’immediatezza dei dispositivi mobile. Grazie al corretto sfruttamento degli spazi, al monitoraggio e all’accelerazione costante di tutti i flussi logistici, SilwaGO riduce le risorse necessarie per eseguire le missioni, con conseguenti saving significativi e misurabili. Ancora l’ottimizzazione della logistica di magazzino e produttiva aiuta gli operatori a svolgere meglio il loro lavoro, rendendoli più efficienti e massimizzandone la produttività. Infine, grazie all’ottimizzazione data-driven di percorsi e missioni, SilwaGO rende gli ambienti logistici più sicuri.

New call-to-action

Torna al Blog

Articoli correlati

Supply Chain Execution System: cosa sono e perché dovrai averli

I Supply Chain Execution System sono oggi, in un periodo storico in cui la logistica è sottoposta a...

Digitalizzazione del magazzino: perché nel 2021 è un imperativo

Il magazzino rappresenta senza dubbio uno degli asset strategici più rilevanti per l’azienda,...

Logistica di magazzino flessibile e a prova di futuro: il caso dell’azienda Quadrifoglio

Da più di 30 anni, Quadrifoglio è un’azienda di riferimento nel settore dell’arredamento...