Frontend Developer e Backend Developer: i percorsi di crescita professionale

Un tempo non esistevano le figure distinte del frontend developer e del backend developer, o quanto meno non avevano analoga rilevanza all’interno dei processi di sviluppo del software. Le applicazioni venivano realizzate con linguaggi di programmazione server-side e indirizzate verso un solo tipo di client e di dispositivo: il desktop. In questo stato di cose era più che naturale che lo sviluppo della struttura di backend avesse la priorità rispetto alle logiche di interfaccia e di interazione con l’utente.  

Nonostante i paradigmi moderni di sviluppo applicativo diano al backend developer un ruolo di primissimo piano nei progetti, la sempre maggiore rilevanza delle web applications e delle mobile applications, unita alla moltiplicazione ‘infinita’ dei client (smartphone, tablet, smartwatch, notebook…) ha determinato una separazione netta tra le due professionalità e ha costruito attorno al mondo frontend un insieme di tool, linguaggi, framework e percorsi di carriera dedicati 

 

Front end developer e il rapporto solido con la user experience 

Volendo fornire una definizione ampia, potremmo dire che il frontend developer si occupa di tutto ciò con cui interagisce l’utente finale. È la figura tecnica di riferimento per tutto ciò che concerne il design e l’implementazione della user experience, che ha un impatto fortissimo sulla rapidità di adozione e l’efficacia del software nella routine aziendale.  

Nelle software house e nelle web agency c’è una discreta separazione tra i ruoli dello UX designer e del frontend developer, ma la distanza tende ad assottigliarsi nelle realtà meno strutturate e in quelle che non si dedicano esclusivamente allo sviluppo applicativo. Il frontend developer implementa il design, crea e aggiorna il codice frontend e si occupa di garantire, attraverso lo sviluppo e l’implementazione del codice, una user experience coerente su tutti i device e sistemi operativi (desktop/mobile) per cui l’applicazione è stata creata.  

 

Solidità, sicurezza e scalabilità alla base del lavoro del back end developer 

Il frontend developer non si occupa di gestire i processi di backend, eppure non può essere totalmente estraneo alle sue dinamiche, poiché per definizione l’interazione bidirezionale tra le due anime del software è continua.  

Dal canto suo, il backend developer lavora dietro le quinte e si occupa di analizzare, organizzare e sviluppare architetture software solide, veloci, sicure e scalabili. Progetta e implementa le funzionalità dell’applicazione, le logiche interne del software, gestisce la comunicazione tra app, server e database e ne monitora costantemente le prestazioni in funzione delle richieste degli utenti.  

 

Mansioni diverse, differenti linguaggi, framework e carriere 

La complessità insita nei processi di sviluppo software ha alimentato la separazione tra le due professionalità, entrambe molto ambite sul mercato, e ha creato quella del full stack developer, che assomma su di sé caratteristiche peculiari di entrambe i ruoli. 

La differenza tra frontend developer e backend developer si riflette sui linguaggi e gli strumenti utilizzati dalle due figure: un frontend lavora con framework quali AngularJS, ReactJs e EmberJS, ha padronanza di Javascript e CSS, di librerie come jQuery e può usare framework come Flutter per creare interfacce native per iOS e Android. Dal canto suo, il back end developer si concentra e deve possedere competenze in linguaggi come PHP, C++, C#, Java, Python o Ruby, oltre a capacità di implementare e gestire database SQL e NoSQL.  

Pur operando in sinergia, le due figure hanno priorità diverse: user experience, reattività dell’interfaccia, compatibilità multi-device, layout e design per il front end; integrità dei dati, sicurezza, velocità di risposta del server, scalabilità e completa copertura funzionale per il backend developer.  

Per quanto concerne la formazione, oltre ai percorsi di studio tradizionali (informatica, ingegneria informatica), esistono molte scuole e corsi in grado di fornire un’adeguata preparazione ad entrambe le figure professionali, da perfezionare poi sul campo con progetti concreti. Mentre il backend developer ha una formazione scientifica, molti frontend developer provengono dall’universo del design e della UX. 

 

Una carriera nel mondo della logistica e della produzione 

Stesi è alla ricerca di sviluppatori backend e frontend da inserire nel proprio organico. L’azienda punta da sempre sull’innovazione per trasformare i settori della logistica di magazzino e della produzione. Non solo, Stesi dà molta importanza alla centralità del rapporto umano ed è anche per questo che oggi può vantare un’affermata piattaforma modulare di Supply Chain Execution (Silwa®) che evolve costantemente anticipando i principali trend di mercato e che è adottata con successo da svariate realtà di qualsiasi dimensione. In questo contesto, entrambi gli sviluppatori hanno un ruolo cardine nell’evoluzione della piattaforma verso i paradigmi 4.0, contraddistinti da piena interconnessione, modularità e intelligenza. 

Stesi - Sei uno sviluppatore?

Torna al Blog

Articoli correlati

Backend Developer: ruolo e competenze chiave

Il backend developer è una figura chiave di qualsiasi progetto di sviluppo software, dai siti web...

Full Stack Developer per la supply chain e logistica di magazzino: cosa fa e quanto guadagna

Il full stack developer è quella figura professionale in grado di coprire tutto il processo di...

Backend e frontend developer: piattaforme di sviluppo da conoscere

La complessità (e il fascino) dello sviluppo applicativo moderno ha rafforzato la separazione tra...